Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 199
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0209
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0209
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SÏÏL TriumvïEÂto. 19g
E ih verità che se dopo tanta gloria, e la
moderazione, che avea dimostrato licen-
ziando i’ esercito a Brindisi, avesse cessato
di vivere, il più grande de’Romani sareb-
be Pompeo appunto agli occlù della poste-
rità. Con quai colori non avrebbono i be-
gli spiriti roraani rilevato 1’oriente doiho,
e i tre trionfi suoi, e l’aver fatto tanti
monumenti delle vittorie sùe, quante so*
bo le parti dell’universo (1); l’ impero ro-
mano da lui arricchito e ampliato, e la
pietà sua verso la patria, e la vittoria inii-
ne, che dell’ambizione e di sè stesso, nuli’
altro ormai restandogli a vincere, avea ri-
portato ? Ma sfortunatamente col trionfo
chiuse la bella parte della vita sua, per
aprire il cammino alla men beîla, e laida
d.el tutto alla fine. L’ Agamennone dell”
Asia vittorioso venne per colpa sua a pe*
rire nelle proprie case. Cangiossi la sceaa,
e d’ un sontuoso tempio, ch’ ella offriva
agli occhi, dedicatô alle lodi degli Dei ed

all’

(ï) Ët tjuot partes terrarum orbis sunt,
totidem faceret monumenta victoriae suae,
'Yell. Paterc. ïib. II. c. 40.
loading ...