Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 202
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0212
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0212
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
20 2 S A G G ï O

cli’ e’ fece proporre delia confermazione de-
gli atti suoi, e della distribuzion de’ campî
a’ suoi soldati.

Due mezzi avea Pompeo per riuscire in
queste cose, clie cosi strettamente concer-
nevano 1’ onore e la dignità sua, sicuro 1’
uno, incerto i’ altro : l’imo di farle con»
fermare in Roma prima di licenziar l’eser-
cito; l’altro, licenziando l’esercito, di ten-
tario per via di persone a lui devote, ch’
egli ponesse in dignilà, e di mettere in
mano altrui, ed esporre all’incertezza del
foro quelio, che armato, senza per altro
nsare violenza alcuna., avrebbe senza dub-
bio ottenuto egli stesso. Di questi due mez-
zi scelse egli ii secondo e il peggiore; il
che riconobbe ben tosto esso stesso (î). Fe-

ce

querens ( quippe ornamentum triumphi ejus
captivos duces Pompejus subduxerat), et cum
iis pars optimatum refragahatur, ne aut pro-
viissa civitatibus a Pompejo , aut bene meri-
tis praemia. ad arbitrium ejus persolverentur.
Vell. Paterc. lib. II. c. 40, Plnt. in Pomp. Dio
Cass. lib. XXXVII. post bellum allobrogicum.
(î) Poenitudine captus est (Pompejus') cjuod,

di-
loading ...