Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 208
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0218
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0218
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ao8 S a g C I o

sare, che e per la spedizione contro a’pi*
rati, e per i’irapero contro a Mitridate,
e in occasion degli onori, Iui assente, de-
cretatigli dal popolo roniano (1), l’avea col
cre'dito suo giovato e sostenuto, fosse sen-
za dubbio alcuno il inigliore e il più one-
sto uorao di Roina. E’sarebbe stata graii-
de ventura , se Pompeo, ch’aveva d’amor
proprio quant’altri raai, non avesse giudi-
cato come tutti gli uomini da esso guidati
fanno, presso a’ quali il migliore è senza
eccezione alcuna colui, che ti serve nell’
occasione; e inaggior ventura sarebbe sta-
ta, se Pompeo irritato dalle ripulse e dal
eontrasto degli avversarj suoi non avesse
creduto quei parsito raigliore, per cui più
soliecitamente vendicarsene potea , ottenen-
do quello, che caricarli dovea di confusio-
ne e di vergogna.

Questo adunque fu il vincolo, che lego
Pompeo a Cesare nel faraoso triumvirato,
tirannia manifesta, a cui lo stimolo deîia
vendetta, e l’ aver forse in cio coinpagni
lo spitisero ; e in cotal raodo fu ridotto a

sare

(i) Plut. in Pomp.
loading ...