Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 218
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0228
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0228
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
s\8 S' A G G î O

îio nel consolato di Gesare, comperato il
titolo di alleato ed amico del popolo ro-
mano con sei mila talenti, de’ quaîi ebb©
Pompeo la stia parte insieme col conso-
lo (1). Le violenti estorsioni principalmen-
te, ch’ e’ fece in Egitto per pagar questa
somma, gli suscitarono tale odio contra,
che stimô dover uscire del regno suo per
venire a sollecitar di rientraryi (2). Resosi
abbominevole in Roma per le impudenti
corruzioni sue, e per gli assassinj ch’e’fe-
ce commettere degli ambasciadori mandati
d’Egitto ad orar la causa pubblica (3), fu
perô da Pompeo apertamente protetto ed
alloggiato in casa sua (4). Tentô questi an-
cora, non mai sazio di onori, di esser no-

minato

(î) Societates ac regna pretio dedit ( Cae-
sar) ut qui uni Ptolomaeo prope sex millia-
talentorum suo Pompeiique nomine abstule-
rit. Svet. in Jul. c. 54» Dio Cass. lib. XXXIX.,
post CÀceronem revocatum.

(2) Dio Cass. ibid.

(3) Cic. pro Cælio, p. 94.

(4) Kotî 0 YloUTTVtOS T» TZ OiKlùt KUTOV VTTîS'i'/tTO,

mî >\vpàs vpiro. Dio Cass. ibid.
loading ...