Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 224
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0234
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0234
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
224 S A G G I O

deformità del corpo colla bruttezza dell’ani-
mo gareggiava (x). Fece proporre da Tre-
bonio tribuno della plebe la legge, per cui
ie Spague e 1’ Africa erangli decretate col-
le legioni per cinque anni, e la Sii’ia a
Crasso ; e fece confermar per altri cinque
anni le provincie a Cesare ( benchè preten-
da Dione per soli anni tre, contro il te-
stirnonio di Cicerone) spinto a ciô fare dal-
la paura che gli amici di Cesare in Roma
non si opponessero insieme co’tribuni con-
trarj alla legge trebonia agîi atti di lui.

Come che sia di ciô che pretende Dio-
ne, storico più sistematico cb’esatto, pare
che Pompeo se la dovesse tenere con Ce-
sare, se volea risorgere in riputazione e in
potenza; come colui, che troppi nemici e
troppo discredito avea in Roma, per voler-
si ancoi'a trarre addosso la grave inimicizia
di Cesare non meno possente ne’ comizj
che nelle Gallie : e pare in fatti che seco
lui se la tenesse, avendogli ceduto dopo il
consolato suo una delle legioni, ch’egli do-
vea levare per Ia Spagna,



(j) Pag. 212.
loading ...