Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 230
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0240
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0240
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
^So S A G G I O

datore del regolar teatro in Francia, e dalF
autrice delîa bella declamazione (1). Avea
questa fanciulla i condimenti tutti della
bellezza, la leggiadria e la venustà, e po-
teva, come nota Plutarco (2), esser dotta
senza divenir nè importuna, nè ridicola.
Attendeva Pompeo a far nozze e ad inghir-
landarsi in un consolato, ch’ egli doveva
annoverare fra le sciagure della repubbîi-
ca (3). Pareva che Corneiia convenisse pi'ut-
tosto per nuora che per moglie del gran
Pompeo, e che questo (4) moglieroso Mar-
te in luogo di marciare in Tracia, navi-
gasse in Citera.

Avendogli il senato assegnate le provin-
cie per altri quattro anni, e mille talenti
F anno di soldo pel suo esercito (5), ne
susurrarono gli amici di Cesare, il quale
tante guerre e tante fatiche per l’ impero
romano sostenendo, dovea egli pure aver

qualche

(1) Pietro Cornelio e madamigella Couvreur,

(2) Plut. in Pomp.

(3) Id. ibid.

(4) Uxorius .

(.5) Id. ibicl.
loading ...