Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 270
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0280
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0280
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ayo S a g g i o

dini suoi non erano ubbiditi, nè più rive-
rito il suo nome : capitano senza truppe,
capo senza autorità, provveditor senza de-
nari e senza consiglio. Le minaccie, la
boria, il romor delle proscrizioni, un’odio-
sa e frequente commemorazione di Silla,
che parea dovere in lui rivivere (1), cose
tutte, colie quali suppliva alla mancanza
sua di forze, gli alienarono affatto gli ani-
mi delle persone, cbe cominciarono a te-
mere, abborrire e dispregiare colui, che
avean dapprincipio compianto (a). Pompeo

se-

(x) Genus illucl sullani regni jampridem
appetitur, multis, cjui una sunt, cupienti-
bus . Epist. 11 , lib. VIII. ad Attic.

Mirandrnn enim in rnodum Cnaeus noster
sullani regni similitudinem concupiuit; àS'às
croi xiyco ; nihil ille uncguam minus obscure
tulit. Epist. 7, lib. IX. ibid.

Qriae minae municipiis, cjuae nomuiatim
'viris bonis ! ejuae denicjue omnibus , <jui re-
mansissent ! cjnam crebro illud : Sulla potuit,
ego non potero? Epist. 10, ibid.

(2) Et vide cjiiam conversa res est. Illum,
cjuo antea conjidebant, metuunt; hunc amant,
cjuem timebant . Id /juantis nostris peccatis

vi-
loading ...