Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 285
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0295
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0295
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
s v l Trïumvirato. 2,85
in Epiro o Macedonia. Avea egli gran nu-
ruero di navi, colle quali. signoreggiava il
mare, e clie ogni vettovagîia e dovizia re-
car potevangli al campo . Esercitava ed is-
truiva le sue genti di nuovà leva in Gre-
cia (i), nel tempo che Cesare voïato in
Ispagna hatteva le vecchie sue legioni e i
suoi luogotenenti. Passata in cotal modo
da una parte e daîl’ altra la state, rima-
nendo tuttavià Pompeo in Epiro, e ritor-
nato Gesare di Spagna, non poterono o non
seppero îe forze marittime del Magno im-
pedire il tragitto di lui in Grecia, che tras-
portovvi gran parte della sua armata aî co-
minciar deirinverno, stagione, in cui non
avria mai creduto Pompeo poco diligen-
te (2), dice Dione, che Gesare dovesse ten-
tare il mare ; se pur sapeva ch’ egli fosse
tornato di Spagna : la quale ultima cosa
non so se faccia più disonore allo storico
o al capitano.

Af-

(1) Plut. in Pomp.

(2,) O'ure yxp is <rbv 'I'Tocktxv scsi; sx tvs I0y-
picts àtsiyiïui tov Y^ulaupot (0 Ylou'jr'r'noc ) èvo/jjf v.
Dion Cassio, lib. XU.
loading ...