Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 290
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0300
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0300
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
$9° S A G G î O

di questi ultimi tempi (1). Niun danno al
mondo avrebbe sofserto da tale esterminio
Pompeo, come colui, la cui ssotta recava-
gli ogui dovizia nel campo, qualunque ven-
to spirasse (2); e avrebbe fatto in grande
di buon’ ora e con frutto quel danno al
nemico, che pensô poi di fargli a Lisso,
111a tardi in picciolo e senza utilità aîcu-
na (5).

Fu adunque Pompeo di assedio stretto
per colpa e negligenza sua , e ridotto a
quelle angustie, alle quali esser dovea Ce-
sare per la natura della cosa stessa, corne

di

(1) Filippo II.

(2) Plut. in Pomp. e de Bello Civili, lib. III.

(3) Item Lisso Paj'thinisc/ue et ojnnibus ctt-
stellis c/uod esset frumenti conquiri ( CaesarJ
jjissit. Id erat perexiguum, cum ipsius agri
naturâ, quod sunt loca aspera et montuosa,
ac plerumcjue utuntur srumento importato ;
tum cjuod Pompejus haec providerat, et su-
perioj'ibus diebus praedae loco Parthuios ha-
buerat, srumentumque omne concjuisitum spo-
liatis essossisque eorujn domibus per equites
comportaverat. De Bello Civili, lib. III. verso
il mezzo circ-a >
loading ...