Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 295
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0305
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0305
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S V L T R iumvïRatq» ag5
litar disciplina nella guerra, non meno che
lo sia il buon ordine in uno stato. Ferma-
tosi Gesare il primo giorno in un vecchio
suo campo di là dal üurne Genuso, e di-
rimpetto ad Asparagio, a poche miglia da
Durazzo occupô pur Pcmpeo un campo,
che vi avea fatto aîcuni mesi prima, e în-
torno a cui non era mestieri alle truppe
travagliar di nuovo « Mossi i soldati dalîa
vicinanza del luogo, ritornarono a Petra
per prender bagagli ed altro, che per îa
prontezza delîa marcia non avean potuto la
mattina tor seco. Avvertito di questo Ce-
sare, o presentendolo, oppure spinto a ciô
dalla solita sua celerità, mosse il campo al
tempo incirca del mezzodi, e raddoppiô il
cammin di quel giorno. Non potè far lo
stesso Pompeo a eagione dell’ assenza de'
suoi soldati; talchè, perdute pârecchie riiar-
cie, non fu in istato nè di disturbar quel-
îe di Cesare, nè di forzarlo a venire a bat-
tagîia suo malgrado, se se ne fosse offerta
l’ occasione (1).

Con-

(i) Ahi (milites) quod subito consilium
profecdonibus ceperant, magna parte impedî-

T 4

men-
loading ...