Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 303
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0313
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0313
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
s tr l Tritjmvirato. So3
Descrîve Dion Gassio (i) con molto di
porapa e di patetico î due eserciti a fron-
te, l’uno per la moltitudine, V altro per
3a inilitar disciplina superiore ; e i due mag-
giori capitani del secolo, celebre îl primo
per Sertorio Mitridate e Tigrane sconfitti,
e pel raare pacificatoj illustre il secondo
per le Gailie, le Spagne dome, la Britan»
nia ed il Reno. Non si videro mai nelF
antichità due più faraosi generali disputarsî
una giornata, se non si vuole eccettuare
Scipione ed Annibale ne’ campi di Zama.
II motivo della guerra era il maggiore, che
umani petti accender possa, Roma istessa
signora dell’ universo, ch’ era per divenir
serva del vincitore. Le esortazioni erano o
d’ infliggere gli estremi mali o di patirli.
Nemici erano i figli della medesiraa patrîa,
che coraunî aveano le leggi, gli dei, l’aria
ed il suolo ; ed erano eccitati alla pugna
da coloro, che tanti secreîi già transfuso
aveano d’ un cuore all’ altro , euî l’ amore
e l’ imeneo furon già nodo e pegno di con-
cordia, e che aveano amato e temuto per
lo stesso fanciullo, l’uno come padre, l’al*

îro

(i) Lib. XLL
loading ...