Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 304
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0314
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0314
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
3o4 S A G G I O

tro come avolo. 11 resto della saa descri-
zione è più conyeniente ad un retore che
ad uno storico. Finge che inteneritisi gli
uni e gli altri nell’ atto del combattere,
gli ululati e i pianti rispondessero d’ ambe
le parti al suono del lituo, ed al canto
della tromba ; e nulla dicendo nè della
qualità del terreno, nè dell’ ordine della
battaglia, sparge questa sanguinosa giorna-
ta di quegl’ intempestivi hori di eloquen-
za, che appena che si perdonino a Lu-
cano.

Concorsero adunqued due eserciti, hdan-
dosi onninamente Pompeo nel numero del-
la sua cavalleria, con cui credea di poter
accerchiare il niinico; e avendo già Cesa-
re presentito il partito, ch’è quanto dire,
avendovi già porto rimedio.

Fallirono adunque le speranze, che Pom-
peo vi avea posto, e fu per conseguenza
rotto (1); siccome succederà naturalraente

in

(x) Sed Pompejus ut eejuitatum pulsum vi-
dit, atque eam partem, cui maxitne conside-
bat, perterritam animadvertit, aliis disjisus,
acie excessit, protinuscjue se in castra équo

con-
loading ...