Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 327
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0337
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0337
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SUL 'TîIIUMVIRATO. 'Szy

per correggere i men felici successi di pri-
ma, ed appianar ia strada alla futura sua
grandezza, diedesi tutto alle faccende civi-
li, difendendo con ardore le cause de’suoi
clienti, frequentando Ia piazza, e con uma-
nità ed attenzione intrattenendosi col po-
poîo, e collo splendor de’costumi, colla
îiberalità e magniücenza allettandolo ; cose,
per cui si cattiva l’aura popolare non me -
no che l’ estimazion femrainile.

Gicerone, secondo Plutarco (i), posto
mente a’modi artiHziosi di Gesare, sospet-
îô dell’ ascose mire,„ che vi poteano esser
sotto, e dell’ohbliquo fine, a cui tendea-
no ; ma la ben pettinata sua chioma, e il
grattarsi, che vezzosamente facea con un
sol dito, dissiparono male a proposito i!
sensato timor dell’ oratore. Somigliava Ce-
sare al famoso arrotino, che facea sembian-
te d’affilare il coltello nel tempo che dili»
gentemente ponea Forecchio alla congiura:
se dir non vuolsi che gettando Cesare î
fondamenti della remota conquista della re-
pubblica, non trascurava quelle presenti „

che

x 4

(i) In Cæsare.
loading ...