Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 347
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0357
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0357
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SUL TriuMVIRATO. 347

gloria del nome romano durante il go-
verno popolare , e ricordavan le violen-
ze, le ingiustizie e gli obbrobrj degli ot-
timati.

Fu loro talmente sensibile questo colpo,
che disse Catulo in senato, non più Ce-
sare col cavar mine sotterra , ma colle
macchine combatter apertamente Ia repub-
blica (1). Infatti si dichiarô egli manife-
stamente allora capo delle parti Mariane,
amando meglio risvegiiare un nome ed una
fazione abbietta ed umile, ma nota al po-
polo ed a lui cara, che crearne una no-
vella e forse odiosa. Nel qual assare imitô
egli saggiamente gli autori delle novelle
sette, che per meglio riuscire, fondano ed
innestano i noveili loro errori su gli an-
tichi, che richiamano a vita, e a’ quali
concilia il ternpo ii sembiante e la rive-
renza della verità.

Ma in quale circospetta maniera non si
fece Cesare capo di fazione in uno stato
libero, rendendo ad un cittadino e ad un
parente gli onori, che il pubblico decreta-

to

(1) Plut. in Cæsare.
loading ...