Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 356
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0366
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0366
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
356 S A G G I o

giudizj appellazione al collegio de' pontefi-
ci, e da questo per ultimo al popolo, fon-
te primiero di ogni autorità, contro 1’ opi»
nione di alcuni inoderni scrittori, i quali.
han creduto ali’ instituto ed al fine loro
conveniente di deferire dal tripode e dalla
cella loro al pontefice massimo la somma
dell’ imperio roinano (1). L’autorità sua ri-
guardava principalmente le persone sacre :
e uffizio suo speciale si era interpretar le
religioni ; far si che il culto divino dalla
primitiva sua purità non degenerasse, ed
intromettersi a’decreti del senato, che con-
tro il gius della religione sancito avessero ;
esser presente a certi atti solenni, ed aver
cura dell’anno, dell’intercalazioni e degli
arinali : uffizio quasi simile a quello di al-
cuni inandarini alla Cina, occupati quale
ad ordinare a’ contemporanei loro il calen-
dario, e quale a tramandare a’ posteri le

verità

(i) Yedi Jo: Andreæ Bosii: de Pontifice Ma-
ocimo Ro7?iae Peteris Éxercitatio . Cap. 5. Ve-
di ancora Jacobi Gutherii: de Reteri Jure Pon-
tificio Urbis Rornae. Lib. II. cap. 4 et cap. io,
ibid.
loading ...