Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 364
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0374
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0374
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
364 S A G G X o

ri, donne, servi, coloro ch’erano oppressi
da debiti, nè trovavan più via nè di sod-
disfare agli antichi nè di contrarne di nuo-
vi, tutti erano con lui. In sotnma non v5
era ordine nè sorte di persone, età o gra*
do, che non fosse stato, qual con isperan-
ze e promesse, e qual con danari o pro-
posti piaceri, e qual col solo prospetto d’
un miglior avvenire cangiandosi il presente
ordine delle cose , involto da Catilina nel-
la congiura, e non avesse ingrossato que-
sta tempesta alla repubblica ; la qual per
altro divenia più facile a vedere, quanto
più di mano in mano qua e là serpendo
si dilatava (î)*

Ci-

(x) Huc accedebat cjuod L. Sulla exerci-
tum, cjuern in Hsia ductaverat, cjuo sibi Jî-
dum faceret, contra morem majorum luxu-
riose, nimiscjuè iiberaliter habuerat .... ibi
primum insuevit exercitus populi romani ama-
re, potare, signa tabulas pictas vasa caela-
ta mirari ; ea privatim ac publice rapere,
delubra spoliare ,• sacra prosa?iacjue omnia
polluere. Sallust. de Bello Catilin.

His amicis sociiscjue confisus Catilina ; sz-
mul cjuod étes alienum .... ingens erat, ei

cjucd
loading ...