Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 388
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0398
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0398
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
588 S A G G I o

avventura cosi malagevole, come l' arte cli
cancellare a proposito nello scrivere, cui
con ragione chiama uno de’ be»F in«;e»ni
deli’età nostra la maggior di tutte, e l’ul-
tima ad acquistarsi (1). Non mediocre eo~
raggio è sorza di avere per disapproyare il
rnenomo de’fatti nostri, o de’nostri pensa-
merrti; alle quali cose il nostro amor pro-
prio, prima essenza dell’uomo, egualmen-
te ripugna; e il poterlo fare non è per av-
ventura meno difficile che il saperlo.

Ebbe il senato grandissimo obbligo a Ge-
sare del costante rifiuto da dalo alle
sediziose ofserte della plebe ; rivoco il de-
creto, e rimiselo in carica, pubblicamente
ringraziandolo di nôn aver fatto quel ma-
le, ch’ era forse incapace di far loro, o di
aver sospeso un picciol colpo, aspettando
di lanciarne uno più decisivo e piu grave
in occasion più opportuna (2).

Cosï

- he hnew 7io t

The las£, the greatest art of all, to blot.
Pope nell’imitazione dell’epistola di Orazio.

Cum tot sustineas et tanta negotia solus.

(2) Quod cum practer opinionem evenisset

( che
loading ...