Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 389
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0399
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0399
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SUL TlUtTMVlRATO. 58g
Cosi sapeva questo uorao singolare agir
con ardore, non meno che ternporeggiare
in politica, quando era mestieri ; ôttener
pienamente colla dolcezza quello che non
avrebbe se non per metà mediante la for-
za avuto ; riconciliarsi cogli uni senza of-
fender gli altri; ed accostarsi sempre a co-
Ioro, che voleano con novelle îeggi inno-
vare lo stato, o che aveano le legioni del-
la repubblica in poter loro .

Ciô, che di piu memorabile gli accadette
durante il tempo di questa carica , fu quel
caso, cosi familiare per altro in ogni tempo
a’mariti, ma cbe a pochi avviene con tan-
ta pubblicità, con quanta avvenne a Cesa-
re, e da cui non si aspettava forse che a
lui di trarne onore e gloria singolare. Cio-
dio, corne ognitn sa, fu sorpreso e disco-

perto

C cbe Cesare risiutasse cioè le ofFerte e gli aju-
ti della plebe ) senatus ob eumdein coetinn
sestinato coactus, gratias ei jser primores vi-
ros egit : accitumque in curiam, et amplissi-
mis verbis collaudatum, in integrum resti-
tuit, inducto priore decreto . Svet. in D. Ju-
lio , cap. 16.

B b 3
loading ...