Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 394
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0404
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0404
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Sg4 S A G G I o

gliante pompa del trionfo, aila processio-
ne in Campidogiio, per rivolgersi tutto ai
solido delia suprema magistratura, e ad
una carica, che per un anno continuo il
poneva nella rocca, per cosi dire, del po-
tere (1). Le azioni ardite sono più ordina-
rie delle sensate. L' insaziabilità del nostro
amor proprio ci guida a gran passi, e ci
sprona a ciô, che per la difficoltà sua puô
sommamente distinguerci ; laddove e’ par
che v’abbia una sorta di timidità a conte-
nersi ne’ lirniti delia prudenza . Un altro
che Cesare, cogli amici e colle pratiche
che avea in Pioma, si sarebbe per avven-
tura ostinato a voier il trionfo e il conso*
lato, l’utile ed il briilante insieme, e non
avrebbe alla JGne ottenuto nè l’ uno nè P
altro. La maggior parte degli uomini non
riesce , cred’ io , negli afsari ioro , perchè
quando si tratta di sciegliere di due cose
l’una ( e di ciô si tratta pur oontinuamen-
te) non isceigono altrimenti, credendo di
poterle conseguir tutte e due, e volendo
pur metterne insieme d’ incompatibili, o

al-

(1) Appian. de Bell. Civ. lib. II.
loading ...