Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 400
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0410
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0410
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4^0 S A G G I O

no degna (1), come quella, che riconcilia-
va i due capi di due grandi fazioni in Pio-
ma, il cui cozzo ed urto temersi dovea
poter essere un giorno o l’ altro fatale allo
stato.

Se l’ arte, 1 a hnezza, l’ingegno furono
posti in opera per mettere accordo fra i
due rivali Crasso e Porapeo, i’oro non do-
vea essere risparmiato per guadagnare tina
infmità di subalterni : raa questo prezioso
metallo, non raeno per operar grandi cose
necessario, che i talenti superiori lo sie-
no, dove trovarlo ? Cesare abbondava tan-
to degli uni, quanto scarseggiava forse aî-
lora dell’ altro. Le ricchezze, che porto

di

ombra per la libertà, e per acsescarlo per al-
tro con una specie di confidenza, gli facesse
dir da Cornelio Balbo, che si affaticava a far
cosa, ch’era già consumata ; il che non credo
alieao dal carattere della sua politica. II sig.
ab. Mongaut illustratore e traduttore di queste
lettere non dice nulla a questo passo, clie par
contraddire tutti gli altri scrittori di questa fa-
mosa epoca.

(i) Piut. in Cesare.
loading ...