Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 401
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0411
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0411
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
s u l Triumvirato. 4° 1
di Spagna, secondo Plutarco, servirono a
pagare i suoi creditori. Crasso avria dovuto
naturalmente somministrare il danaro che
fosse bisognato, ed esser ïa cassa militare
o il tesoriere di quest’armata contro la li-
bertà. Credette per avventura Cesare, per-
fetto estimator degli uomini, che V esiger
sul bel principio dell’ impresa danari da
Crasso avrebbe mal disposto l' avarizia di
ïui, ed intepidito un animo, al quale era
duopo piuttosto inspirar fervore. Non avreb-
be veduto Ci’asso, se gli fosse convenuto
sborsar danari, se non la perdita presente ;
e bisognava anzi fargli vedere solo i mez-
zî di aumentar le sue ricchezze all’ infini-
to per adescarlo. Oltre di che conveniva
a Cesare farla verso Crasso e Pompeo da
patrocinatore, anzichè da cliente, e dimo-
strare il meno che possibil fosse la debo-
lezza sua, e il bisogno che avea dell’ope-
ra di persone, che voseva o innalzare o
proteggere. Si rivolse dunque altrove, non
mai scarso di partiti, e * propose a Lucio
Luccejo, uno de’ competitori, di associar-
selo al consolato, purchè volesse fare i ne-
cessarj esborsi per comperare i voîi della
To: XYII. C c " plebe,
loading ...