Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 402
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0412
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0412
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4 oii S À O G I O

plebe, e farli a nome comune (i). In co-
tal modo sottil tvasficante in politica per-
mutô 1’ aura sua popolare con 1’ oro efset-
tivo di Luccejo, siccome già avea larga-
mente dato e promesse e speranze in cam-
bio deli’ autorità di Ci’asso e de’ trofei del
Magno.

Benchè I’ elezione di Luccejo non aves-
se luogo, non lasciô pertanto Cesare di
trarre dall’ambizione di lui tutto il vantag-
gio che prefisso s’era, più curante di ave-
re in lui trovato un esatto banchiere, che
di farselo collega nell’amministrazion della
repubblica. Ognun sa come per Ie opposi-
zioni di Catone, il più dichiarato e il men
pericoloso nemico forse di Cesare, fosse es-
cluso Luccejo dal consolato ; e come Cato-
ne divenuto casuista della libertà propones-
se in senato di fornir, se fosse duopo, de-
nari del pubblico a Bibulo nella concorren-
za con Cesare, il nobil Hne di salvar la
patria coonestar dovendo Ia viltà del mez-

zo

(i) Svet. in D. Jul. cap. 19.

Caesar cum eo (Luccejo ) coire per Anium
cogicat. Epist. 16, lib. I. acl Attic.
loading ...