Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 404
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0414
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0414
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
404 S A G G I O

Questo consolato fu a cagîone doîl' ina-
zion di Bibulo chiaraato il consolato di
Giulio e di Cesare (1); e il primo raagistra-
to della repubbiica, ornato dell’insegne, e
vestito del regio potere, divenne l’ oggetto
di riso e di canzoni (z). Bibulo fu dileggiato
con ogni sorte di villania, e con ogni sor-
za represso ; taichè fu costretto in hne a
prendere il partito di non uscir di casa,
donde di tempo in tempo lanciava decreti
e sentenze contro Cesare (5); coine fa ta-
lora il parlamento di Parigi delle rimostran-
ze al Be; o come i piccioii principi, nei
tempo che dispongono i grandi degli stati

loro,

(1) Svet. in D. Julio .

N071 Caesciî'e et Bihulo , secl Julio et Cae-
sare consulibus actum scriherent. Dione, îib.
XXXVIII.

(2) No7i Bihulo cjuidcjuam 7iuper, sed Cæsare
factum est ;

Nam Bihulo fieri consule 7iil memmi.

Svet. ibid.

(5) în eam ( Caesar') coegit desperatio^iem
Bibulurn, ut quoad potestate ahiret, domo
ahditus, nih.il aliud cjuam pet' edicta ohmni-
tiaret . Id. ibid.
loading ...