Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 411
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0421
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0421
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S U L TiUUMVïHATO. 4 1 1
ficando la giuftizia della causa alla calrna
dello stato ; riiiutolla aspramente Catone ;
ed accordolla in fine per malor della re-
pubblica Cesare, attento del pari a non
errare esso stesso, che pronto a trar pro-
fitto dagli errori altrui.

Obbligatisi due ordini della repubblica?
i cayalieri e la plebe, e depressa 1’ autori-
tà del senato, che non teneva più che va-
ne conferenze in casa di Bibulo, solenne-
mente confermo gli atti di Pompeo , arti-
colo fondamentale della grande alleanza fra
loro, e della gran congiura contro la li-

bertà,

'Eq'uites cnriae belliim, non mihi ; nam ego
dissensi . Quid impudenbius publicanis re~
nuntiantibus ? Fuit tamen retinendi ordinis
caussa, facienda jactura. Restitit et pervicit
Cato, Itaque nunc, consule in carcere inclu-
so, saepe item sedîtione commota, etc. Ep. i,
lib. II. ad Attic.

Festive, mihi crede, et minore sonitu,
cjuam putaram , orbis hic in republica est
conversus : citius omnino quam potuit ; îd
culpa Catojiis. Ep. g, ibid, Vedi ia nota 6
aha medesima lettera del sig. ab. Mongaut.
loading ...