Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 417
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0427
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0427
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
SUL TniUMVlïtÀTO. 4x7

ai o nell’antico suo credito, o neli’ ordina-
ria sua eloquenza, o nella gratitudine di
Pompeo che vilmente abbandonollo, sde-
gno di attenersi alla mano, cbe Cesare,
benchè suscitator della tempesta, tendea-
gli per salvarlo, e volle ad ogni patto pe-
rire; felice, se l’esempio del primo trium-
virato I’ avesse ammaestrato alquanto per
un secondo.

II frutto principale di tante bene ordite
trame, e di tarito rafhnata politica, fu la
provincia della Gallia tutta cisalpina e dell’
Illirio con tre legioni , che ottenne per
cinque anni dal popolo ; a cui fece Pora-
peo aggiungere dal senato la Gallia trans-
alpina, ch’esser dovea soggiogata e pulita
da un Cesare. La proposizione fu fatta dal
tribuno Vatinio (1); come se Cesare nulla
per sè volendo, egualmente moderato in
apparenza ch’ era in fatti fuor di misura
ambizioso, di tutte le sue fatiche altro pre-
mio non si proponesse che il ben pubbli-
co, e la ihemoria consolante di aver lode-
volmente operato . La provincia abbraccîa-

va

Ci) Svet. in D. Julio, cap. 23.

To: XVII. D d
loading ...