Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 418
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0428
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0428
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4l8 S A G O I o

va presso che tutto il mare Adriatico e
parte del Mediterraneo : si stendeva da una
parte quasi per sino alle porte di Piomaj
e di là dali’Alpi lasciava un immenso cam-
po a Cesare per Ie più ricche e gloriose
conquiste in un paese, che dovea dipoi
veder rinascere nel suo seno parte delle
sue virtù, e tutta la sua ambizione.

Furono questi gli artifiziosi e scaltri mo-
di, onde servissi Cesare, non la forza e
non l’esfusione di sangue, per giungere in
pochi mesi a cangiar totalmente la faccia
della repubblica, a far tacere la maestà
delle leggî e la fierezza di Catone, a per-
turbare ogni ordine, a poi’si alla testa di
una formidabile armata nella più bella, più
vasta e più comoda provincia dell’ impero,
a farla in fine da soio ed assoluto signore
m uno stato libero. Sotto spezie di elevar
Crasso al primo grado nélla repubblica, e
di restituirvi Pompeo, ebbe in mano solo
tutta Pautorità del triumvirato. Coloro che
credettero dover’ essere assisi sul medesimo
trono con Cesare, non gli servirono che
di gradini per ascendervi. Qual parte non
vi fa Pompeo, il solo potente rivale, che

e per
loading ...