Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 420
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0430
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0430
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
420 S A G G 1 O

gacità dà argomento, sorgente di stima ap-

presso i nemici stessi.

E veramente questo consolato suo è il
capo d’ opera, l’ Edipo deîla politica. II
guadagnar delle battaglie, e conquistar del-
le provincie è per avventura toccato a moi-
ti ; ina rendersî grande deprimendo i ne-
mici suoi sotto spezie d’ innalzarli, ma fon-
dar, per cosï dire, un impero în una su-
perba e gelosa città, dove l’ ambizione è
il più grande e il più severamente punito
de’ deïilti, soggiogar lo spirîto altrui esi-
gendorie l’ammirazione e l’afsetto, tutto
questo era dato aî solo Cesare. II suo con-
solato in somma glî è più glorioso, che la
faruosa saa espedizione nelle Gallie ; delle
quali cose, se l’ una fu conveniente sog-
getto della sua, sarebbe stata l’altra degno
argomento della penna di un Macchiavelli.

Composte le cose in Pvoma per la futu-
ra sua sicurezza, afsrettossi Cesare di par-
tirne (i), fatto certo , che omai gli Svizze-
ri messa ogni cosa in pronto, e appuntato

il

(i) Lib. I. de Bello Gallico , cap. 4-
loading ...