Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 433
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0443
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0443
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S U L TrïUIVIRATO. 433

pavano allora i Druidi in mezzo alla barba-
rie delle Gallie quel grado, che occuparon
dappoi gli ecclesiastici in Europa ne’ secoli
delle gotiche tenebre ancora ofsuscati. Pa-
re, che vi fossero gli stati generali della
nazione, come altre volte in Grecia ed ora
fra gli Svizzeri, dove si deliberava degli
affari a tutte le comunità spettanti (1).

D ue erano in que’tempi gli stati, che
del principato della Celtica disputavano, 0
che come capi traeansi dietro il rimanen-
te : i Sequani gli uni, che la Franca Con-

tea

que constituunt; et si cjuod est admissum fa~
cinus, si caedes facta., si de haereditate,
de finibus controversia est, iidem decernunt;
-praemia poenasque constituunt. Si quis aut
privatus aut publicus eorum decreto non ste~
tit, sacrificiis interdicunt. Ilaec poena apud
eos'est gravissima. De Bello Gallico, lib. VI.
cap. 5.

(1) Petierunt ut sibi concilium totius Qal-
liae in diem certajn indicere, idque Caesaris
■voluntate facere liceret : se se habere quas-
dam res, quas coimnuni e consensu ab eo
petere vellent. Ibid. lib. I. cap. 17.

To: XVII. E e
loading ...