Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 443
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0453
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0453
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
s u x. Triumvirato. 445
dissimulatore de’proprj disegni, che semi-
na con destrezza discordia fra i snoi vici-
ni, e che prende qualunqu.e specioso pre-
testo che al suo ingrandimeato conduca;
che non dà tempo a’suoi nemici di dichia-
rargli Ja guerra, se non si è posto prirna
in istato di continuarla con inlinito suo
vantaggio, che con tanta larghezza rimu-
nera le belle azioni militari, con quanta
severità fa osservar la disciplina (1).

Purgate le Gallie dagli stranieri, e ri-
messi gli Edui neila pristina dignità loro,
secondo la sana politica di proteggere i de-
holi e rilevare gli oppressi per poscia si-
gnoreggiare a tutti, preoceupô coila solita
sua celerità Cesare l’anno seguente i Fiam-
minghi, recando nel paese loro la guerra
la quale voleano essi inferir nel suo ; te-
mendo principalmente, non l’armi e l’am-
bizion romana, paciiicate omai ie Gallie,
si rovesciassero loro addosso (3).

Concertata pertanto cogli Edui una di-
veï’sione nel paese de’ Beiiovaci, che i ca-

P1

(1) Memoires des Feuquiers . T. I. cap. 3.

(2) De Bello Gallico, lib. II. cap. 1.
loading ...