Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 454
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0464
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0464
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
454 S A G G I O

Drusi e i Germanici sulle rive dell’ Elba ©

del Weser.

Fatto sentire al Reno per la prima volta
l’ inusitato giogo di un ponte che in diecï
giorni fu fornito, e da’due capi munitolo,
andô a dirittura su quel de’ Sicambri, a’
quali nelle selve e nelle solitudini rifuggi-
tisi tagliô le biade, e messe a fuoco Ie abi-
tazioni: d’indi venne sulie terre degl’Ubii,
da’quali riseppe, avere gli Svevi rimpiatta-
to ne’ boschi più folti le femmine e i fan-
ciulli, ed essersi essi ragunati nel cuor del
paese, ed ivi aspettarlo di piè fermo.

Non credette altrimenti Gesare, 1’ utile
della vittoria compensare il pericolo della
guerra, come colui che quanto caldamente
eseguiva, altrettanto prima di accingersi all’
impresa freddamente deliberava; e conten-
to di aver messo paura a’Tedeschi, di aver
punito i Sicambri, e protetto gli Ubii, do-
po diciotto giorni di dimora di là dal Re-
no, di bel nuovo passollo, e tagliossi il
ponte alle spalle (i).

Coloro che maravigliarsi potessero, co-

me

(ï) De Bello Gallico, lib. IV. cap. xe*
loading ...