Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 460
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0470
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0470
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
46O S A G G I O

lora, nulla potè rinvenire nè della gran-
dezza deirisola, nè della bontà ed anrpiez-
za de’porti suoi, nè de’popoli che 1’abita-
vano, nè della disciplina militare, nè del-
le leggi loro (i) ; niuna in somma di quel-
ïe cose, che ora il eommercio ha posto in
chiaro lurne ed in piena cognizione di tut-
te le nazioni. Era allora quasichè deserto
ed innavigato quel mare, che d’ ogni ma-
niera di bastimenti e di vele è ora varia-
to e coperto.

Mandato adunque innanzi C. Voluseno
con una nave da guerra a tentare Ie spiag-
gie, come si farebbe ora alle terre austra-
li, traghetto nell’isola con due legioni (ioa
e ya), lasciato il restante dell’esercito die-
tro nel Bolognese e ne’ paesi circonvicini,
e bastevol presidio al porto donde sciol-
se (2). Non fu lunga la dimora di Cesa-
re, nè grandi furono i progressi che fece
nell’ isola, poichè la stagione già era sul
fine, e la cavalleria non 1’ avea potuto a
cagione di una fiera tempesta raggiunge-

re

(1) De Bello Gallico, lib. IV. cap. 11.

(2) Ibid. cap. 12.
loading ...