Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 462
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0472
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0472
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
/\Ç>2 S A G G I 0

sant presso Calais, poco al presente nostro
proposito iraporta, nà gran fatto impor-
tar dee ali’ umana scienza ; benchè un fa-
moso astronorao in Inghilterra uso a nio-
derare il corso delle coraete, e a deterrai-
nare coîla maggior esattezza i punti i più
disfîcili nell’astronomia, abbia calcolato l’
ora e il luogo preciso, in cui Cesare ap-
prodo sulle coste dell’isola.

Iyi consumata la state, passato il ïami-
gi, ricevuti in dedizione alcuni popoli, fra
gli altri i Trinobanti, de’ quaii Londra cit-
tà celebre anco allora era capitale, e re-
golato il tributo, che pagar d’allora innan-
zi doveano, ripasso yerso 1’ equinozio il raa-
re (1), altre spoglie non riportando da quel
novello mondo in luogo dello sperato ar-
gento, che alcuni schiavi, nel servigio de'
quali non s’ aspettavano certamente i Ro-
mani di trovare nè la pulitezza, nè l’ eru-
dizione, nè la musica greca (2).

Di

(1) JDe Bello Gallico, lib. V. cap. 12.

(2) His ( navibus ) deductis, quod et capti-
'vorum mazjium numerum habebat. Ibid.

O

Britamiici bclli exitus expectatur. Constai

eTiim
loading ...