Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 474
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0484
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0484
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
47.4 S A G G I 0

comparsi (1) ; e n’ ebbe con poca fatica
buon patto, preoccupando in tutti i dise-
gni suoi Accone, ch’ era capo cli questa
lega (2). Era prima di ogn’altra questa im-
presa da farsi, per non lasciare nemico al-
le spalie, e muover con sicurezza l’eserci-
to contro i Treviri e gli Eburoni, afhne
di vendicare fra gli uni l’ origine della ri-
beilione, e fra gli altri la sti’age ai Sabi-
no, il che e"ra il hne principale di questa
guerra *

Gommise a T. Labieno, che fu il suo
Antonio nelle Gallie, la guerra contro i
Treviri mandandogli due legioni, deîle qua*
li fece ottimo uso; e pigliô egli stesso l’im-
presa contro gli Eburoni ed Ambiorico (3)d
Se avesse voiuto costui eommettere la sua
fortuna ad una battaglia, è cla credere che
Cesare più presto sarebbe venuto a capo
della guerra che non fece. Credette adun-
que Gesare dover tagliare a questo tempo-
reggiatore i sussiclj, ne’ quali particolarmen-

te

(1) De Eello Gailico , Iib. VI. cap. z.

(2) Ibid.'

(3) Ibid.
loading ...