Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 483
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0493
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0493
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
sül TaiuM virato. 4.8.S

se pur questo non è retaggio comune a
tutti i popoli. Quello cli’è toccato loro pià
in particolare, e ch' è neîr antica posses-
sion della nazionôj è il recar leggermente
giudizio delle cose senza conoscerle adden-
îro (1); del che fanno oggidï (e non so,
s’ altra volta era in uso ) cosi aperta profes-
sione, che tardi e pesanti chiaman coloro,
ehe fan precadere alla decisione 1’ esame.

Quando Cesare ce li descrive passeggian-
ti nelle piazze arrestare i viaggiatori per
domandar loro novelle, che i fondaraenti
poi sono de’loro consigli (a), mi par ve~

dere

(1) Impcllit alios avaritia, alios iracundia,
êt temeritas, cjuae maxime illi hominum ge-
neri est imiata, ut levem auditionem habeat
pro re comperta . De Bello Gallico, lib. VîL
eap. 18.

(2) His de rebus Caesar certior sactus, et
infirmitatem G-allorum veritus, cjuod sunt in
consiliis capiendis mobiles, et novis plerum-
cjue rebus student, ?iihil his cormnittendum
existimavit. Est autem hoc gallicae consuetu-
dinis, ut et viatores etiam invitos consistere
cogant, et cjuod cjuiscjue eorum cle quacjue re
audierit aut cognoverit, quaerant, et merca-

H h 3

tores
loading ...