Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 485
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0495
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0495
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
S U L TniUMVïItATÔ. 485
&on liberi, nelle quotidiane loro novelle
fo^gie di vestirsi, di abitare, di seder, di
mangiare, di esprimersi e quasi fin di pen-
sare. Queste foggie a noi regolatamente
ogn’ anno inviano, delle quali noi siam co-
si vaghi, come già del belletto e del liscio
il furono le dame romane, cui dalle Gal-
le appresero (i).

Tale essendo la nalura di questi popoli,
non è maraviglia se i tumulti d’ Italia e di
Pioma a novelli moti gll eccitarono, e ad
aperta ribellione.

II pretesto ne fu la morte di Accone,
presagio di quanto aspettarsi dovea ciasoun
principe nelle Gallie da Cesare (2) ; e il
primo efsetto fu F uccisione di quanti Ro-
mani trovavansi in Orleans (Genaburn) (5).
Cosi il principio di questo incendio fu ne’
Carnuti, ina s’ accrebbe tra gli Arverni, e
dilatossi quindi in quasi tutta la Gallia con-
tenuta tra 1 a Senna, la Sonna, le Geven-

ne,

(1) Macrobîo ne’ Saturnalî.

(2) De Bello Gallico, lib. YIL cap. 1,

(3) Ibid. cap. 2.

H h 3
loading ...