Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 490
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0500
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0500
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
49° S A G O I o

gi de’fiumi, stratagemmi, marcie sforzate,
diverse inaniere di munizioni, Congiungi-
jnenti e disposizioui di eserciti, di tutto
quello in somma feconda, che grande e
difsicile rende una guerra: ed io non du-
hito, che il settimo libro de’ Commentarj
che la descrive, non sia cosi aggradevol
lettura a’capitani, come lo è a’poeti il se-
sto dell’ Eneide.

Espugnato Avarico sulla fin dell’ inver-
no (1), andô Cesare benchè a ritroso a
comporre una sedizione nata fra gli Edui
suoi confederati, e mosse d’indi in traccia
del nemico nel proprio suo paese, dove in
fine posc assedio a Gergovia, ora Clair-
7jiont (2), avendo a fianco i nemici non
meno che ad Avarîco (5) di novelli ajuti
fin dalla Guascogna rinfrescati (4)- Sei le-
gioni avea seco ; quattro ne avea date a

La-

(1) Caesar sivarici complares dies commo-

ratus.Jam prope hieme confecta, etc.

De Bello Gallico, lib. VII. cap. i4-

(2) Vedi Ia carta di m. Kermicale.

(3) De Bello Gallico, lib. VII. cap. 15.

(4) Ibid. cap. 14.
loading ...