Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 491
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0501
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0501
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
s v l Tritjmvirato. 49 i
Labieno cla condur verso Parigi , picciol
castello allora, che teneva solamente 1’ iso-
la e non ingombrava de’magnifici suoi soU
borghi e de’suoi giardini, come fa ora, V
una e l’altra riva della Senna. Dovea que-
sti tenere in freno e punire i Parisii e gli
altri popoli verso il mare che accostati s
erano a Yercingetorico (l); mentre esso lo
combatteva in mezzo alle patrie montagne.

Tale era il sistema della guerra, il qua-
le convenne ben tosto a Cesare di mutare
al tutto, essendosi gli Edui al fine, i soli
amici quasi che nella Ceîtica gli restava-
no, apertamente ribellati , ed accostatisi
anch’essi alle parti di Yercingetorico e del
resto delîa Iega (2).

Penso Cesare adunque a levar l’assedio,
e a ricongiungersi con Labieno, il quale
fece vedere in questa marcia quanto degno
egli fosse di comandare sotto a Cesare (3).
Uniti li due eserciti sulle terre de’ Seno-

ni

(1) De Bello Gallico, lib. VII. cap, l\. alla
fine .

(2) Ibid. e antecedenti .

(3) Ibid. cap. 22 e a3.
loading ...