Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 496
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0506
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0506
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
4gS S A 6 G 1 o

gando fra gli altri il famoso esempio de’
Turchi rotti a Vienna nelle loro linee l’an-
no i683, cotanto memorabile per la Ger-
mania ; e quello de’ Francesi cacciati da’
trincieramenti loro dinanzi a Turino dal
principe Eugenio l’ anno del sei, non me-
no importante per l’ Italia. Questa massi-
ma è senza dubbio fondata sulla supposi-
zione, che i due eserciti non sieno som-
mamente disuguali, come eran quelli di
Cesare e de’Galli ; o che i trincieramenti
non sieno di quella forza ch’ erano quelli
di Alessia. II fine di Gesare nel dar tanta
briga a’ soldati, e nello elevare questo ca-
po d’opera di munizione era, che poche
genti come le sue resister potessero a una
moltitudine infînita di nimici: il qual sine
non avrebbe ottenuto, se fosse loro andato
incontro dalle sue munizioni uscendo ; sic-
come avreb'oe perduto 1’opera un ingegne-
re nel fortificare una piazza, se volesse il
comandante di qiïella farne uscire il presi-
dio per venire a giornata coll’ esercito ne-
mico.

Coloro che credono, che poca più fati-
ca avessero i Piomani a dornare I' antico

mon-
loading ...