Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 500
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0510
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0510
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5oO S A G G I O

(juesta facevan ora cominciando ad assaîire
i Suessioni dipendenti da’Remi, che soli
per avventura nelle Gallie erano stati fede-
li a Cesare nella passata guerra. Per la
qual cosa mosse loro incontro coll’ eserci-
to, e dopo molta fatica domolli al iîne,
avendo fatto prova corne Carlo duodecimo,
benchè con migliore esito e indotto da ne-
cessità maggiore, quanto il far lunga guer-
ra contro i barbari sia pericoloso, e quan-
to col continuo vincerli si rendano al fine
poco men che invincibili.

Yidersi in qu.esta guerra i Galli cosi co-
me i Romani valersi scainbievolmente di
ausiliarj tedeschi (1), i quali eran pronti
a militar per qualunque gii assoldava ; sic-
come sonosi veduti dappoi Svizzeri contro

Sviz-

(O Atque eo magis, quod Comius, quem
■prosecbum ad auxilia Germanorum accersen-
da dixeram, cmn equitibus venerdt, etc. De
Bello Gallico, lib. VIII. cap. 4-

Qjia contejitione Germani, quos propterea
'Caesar transduxerat Rhenum, ut equitibus in-
terpositi praeliarentur, etc. Ibid. cap. 5 e se-
guente .
loading ...