Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 502
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0512
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0512
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5oà S A G G I 0

la sorgente d’una fontana, piuttosto che
per penetrar nei sasso che li. chiudeva (i)5
s’ impadronx della terra ; e per dare un
esempio di severità alle Gallie, dopo aver-
îie dato tanti di clemenza, fece a tutti co-
loro che avean portato l’armi (2) tagliar le
mani, e lasciolli ire cosi monchi a spaven-
tare i compatrioti loro, cui Ia certezza o
la speranza almeno del perdono avria per
avventura eccitati a novelle ribeliioni.

Prima che spirasse la state andô con due
legioni in Guascogna, dove non avea fatto
la guerxna che per via di P, Crasso ; e rice-
vute ambasciate ed ostaggi da tutte quelle
città senza opposizione alcuna, se ne ven-
ne a Narbona, e approssimandosi il verno
mandô le legioni alle stanze. Quattro ne
collocô nelle Fiandre, conie nel più belli-
coso paese delle Gallie ; due ne pose fra
gli Edui, torae nel paese piu autorevole,-
due nella Turenna per guardare le regioni
verso il mare; e le dne altre mandolle sul-
le terre di Limoges non lungi dali’ Alver-

nia,

(1) De Bello Gallico, lib. VIII, cap. xx.

(2) Ibid.
loading ...