Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 17): Lettere Francesi — Venezia, 1794 [Cicognara Nr. 3-17]

Seite: 512
DOI Seite: 10.11588/diglit.28095#0522
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1794bd17/0522
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5l2 SâGGIO

portanza era un soidato libero alla repub-
blica , il quale in uno stato militare, co-
me quello s» era, doyea esser riguardato
come un sacerdote neila Chiesa. Era il
tempo degli esercizj loro come ii noyiziato
di questa marzial reiigione, cui se sostener
non poteano, erano rimandati e non ne
faceano altrimenti professione. Terribile era
il giuramento che prestavano, onoriHcen-
tissimi i premj con cui le belle azioni si
rimuneravano, gravissime le pene onde si
punivano Ie trasgressioni delle leggi milita-
ri. Un popolo d’eroi è chimerica idea,
non meno che una repubblica di HlosoH,
o un Areopago di giudici senza passione.
Suppliva la perfezion dels arte a’ difetti del-
la natura, e il timor rimoto dell’ira degli
Dei, o il presente di severissime pene.
Cose delle quali alcune moderne nazioni,
benchè militari, o si burlerebbero o si ter-
rebbono disonorate, forzavano appresso que-
sti antichi i vili e tristi ad. uguagliar quasî
raalgrado loro 1’ altezza de’ buoni e valoro-
si. Mediante ordini cosl perfetti, non si
vide giammai tanta sobrietà, tanta pazien-
za, tant’ordine, tanta virtù e tanta disci-

plina
loading ...