Böttiger, Carl August   [Hrsg.]
Amalthea oder Museum der Kunstmythologie und bildlichen Alterthumskunde — 2.1822

Seite: 229
DOI Heft: 10.11588/diglit.9752.10
DOI Artikel: 10.11588/diglit.9752.13
DOI Seite: 10.11588/diglit.9752#0268
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/amalthea1822/0268
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
229

mile sacerdote, il quäle con braccia alzate sostiene
un vaso come adorandolo nel medesimo tempo; e
finalmente una sacerdotessa con elevate mani.
Intorno pel margine sei figure adornate; tre uo-
mini, tre donne. ln cirna giace il lupo Osirico.

IV.

Osiride uguagliato agli Dei.

Tre divinila. 1. Osiride col regio scettro, ae-
compagnato d’Arverigeracefalo antichissimo nurne
degli Etiopi ed Egizj, che nella destra porta le
chiave dei Nilo, nella sinistra lo scettro, e sulla
testa sostiene il globo dei sole, da sagra vipera,
simbolo della vita , accoropagnato. Incontro loro
staun altarino con vaso niliaco, ed un sacerdote
che tiene alzato un altro simile vaso. Sono due
altri Uomini et una Donna. 2. Iside ed Oro se-
denti incontro un altare con due sacerdoti ed una
sacerdotessa. 5. Ara onusta di frutti e di vasi
d’incenso, avanti cui stanno inghinocchiati due
Uomini e tre Donne, tutti colle mani alzate in
adorazione.

V.

Festo della velificazione d’ Iside.

Frammento ove man ca Ia Deitä, essen do ri-
masto l’altare carrico di frutti. Un sacerdote ed
una sacerdotessa che ciascheduno portono inal-
zata l’effigie di un velo nautico, colle stanghe e
corde. Osservasi ancora un uccello volante, la
sagra rondinella d’Iside, le cui ale spiegate al
vento sembrano aver dato occasione all’ inven-
zione delle vela.
loading ...