Amico, Bernardino
Trattato delle Piante & Immaginj de Sacri Edifizi di Terra Santa: Disegnate in Ierusalemme secondo le regole della prospetiua & uera misura della lor grandezza — Firenza, 1620 [Cicognara Nr. 3932]

Seite: 27
DOI Seite: 10.11588/diglit.28446#0057
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/amico1620/0057
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DI TERRA SANTA. 27

<Ter'%& parte delh Jlradct dolorosa, douesù angariato Simone

Cireneo. Cap. X X.

L L A quale sono moltimisterij,& il primo di essi di-
cono li Euangelisti Àlar.al cap. 1e Luca al cap.2j.
che leuorono la Croce del nostro Saluatore,e la po-
sero soprale spalle di Simone Cireneo,Padre d’Ales
sàndro,e Rufo, il quale Simone veniua da vna villa,
mà perche la pigliò contra sua voglia, e perincon-
tro,non conoscendo la gratiaparticolare, che Iddio
li faceua, perse il merito . Quì deue sottilmente
speculare il buon lettore considerando , che quando gl’occorrdse al-
cun trauaglio, sempre lo deue pigliare in buona parte, come mandato dal
Signore, etiam procuratolo da se stessb, perche facendo questo lo fà me-
ritorio,nè mai lamentarsi di Dio : ma sia bene,ò male,sempre concordarsi
con Dio, come diceua Giob : Si bona fuscipimus dc manu Domini,quare au~
tem non sujtineamus mala : Di più deue considerare in che fiacchezza,lassi-
tudine, debolezza, asssittione si poteua il Nostro Redentore trouare in
questo atto,hauendo indebolito il suo corpo per longa penitentia, che ha-
ueua fatto,e dopo la presanell’Orto oltrali mali trattamenti, dicono li co-
templatiui,che li furno date seimila seicento sessantasei Battiture; e doppo
poltoli sopra le scorticate,e lànguinolenti spalle vna Croce di quindici pal
mi di canna di lunghezza,e otto di trauerso, grossa vn buon palmo: consi-
derareancoquellacarità volpinacon laquale,si mosseroaleuarli laCro-
ce per il dubbio, che teneano non morissè per strada ; onde mancasse à lo-
ro la piena sodisfattione di vederlo morire in Croce fra dui ladroni,comc
nial fattore,e capo di quelli, conforme poco inanzi haueano, pieni di rab-
bia,gridato ad alta voce: Tolle, Tblle, Crucisge eum. Nellalettera A. del-
la seguente figura dinota, quanto di sopra narrato s’hà. II B. dinota quel-
lo,che segue,cioè questaè quella strada,nellaquale voigendosi il figliuolo
de l’huomo alle donne di Gierusalemme, che piangendo lo seguitauano ,
diise, non piangete per me,nè sopra di me,mà piangete sopra di voi stesse,
c sopra de figliuoli vostri. Imperò che verranno giorni,nelli quali gli huo-
mini diranno ; ò monti cadete sopra di noi, ò valli ricopriteci, perche sc
nell’arbore verde si è fatto questo,nel secco che si farà ? II Profeta Zaccha-
ria molti,e molti anni innanzi,vdl,e vide in spirito di Profetia questi pian-
ti in queste medesime stradej non altrimente che se cgli fusse stato presen-
te. II sudetto Zaccharia quì nacque,quì profetizzò,e quì morì,e a questo
proposito dice,lo piangeranno con li stelsi pianti,con li quali si piange, e si
dorranno sopradi lui, come si duoie,e attrista sopra la morte deli’vnigeni-
. R to la
loading ...