Amico, Bernardino
Trattato delle Piante & Immaginj de Sacri Edifizi di Terra Santa: Disegnate in Ierusalemme secondo le regole della prospetiua & uera misura della lor grandezza — Firenza, 1620 [Cicognara Nr. 3932]

Seite: 33
DOI Seite: 10.11588/diglit.28446#0068
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/amico1620/0068
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
D I TERRA SANTA. 33

qu'i finisce l’Alfabcto. Et incominciano li numeri,e prima li numeri i. 2.
3.4. <5. <5. e •]. li las’cio per non hauerli misurati ma quel che dinotino sta
notato nella pianta. Questa venerabil Chiesà hà tre porte ; le quali l'ono
contigue-jla prima è segnata co’l num. 8. & è la scala, per la quale si saliua
al monte Caiuario,e di là si discendeua per l’altra nella Chieià, e nel luogo
segnato con la*. La seconda è segnatacon il num. 9. la qual stà murata.
La terza,che è nel num. 11. serue per entrare,& vscirejreltando poi sem-
pre serrata à chiaueogni voita,che si vuol far ciò , è necessario mandar
per cssa-,e non iènza quatche buona manda,à chi la custodisce; ma quado
vengono i Peregrini bilògna coprire il Poggetto, che sta auanti la poi ta
al num. 1 o. di Tapeti,e Cucini,perche alshora vengono con magnificen-
za, e quanto maggior numero vi è di Peregrini, tanto più aliegri si dimo-
strano,poiche da ciaschedun de nostri pigliano noue Zecchini, e da gl’ha-
bitanti del paese quattro,e mezo. Cosi anco de nostri Mercanti terrazani >
e danno dipiù vn madino per vno à i Portinari, i quali tengono sempre la
porta mezachiusa,per osseruare maggior diligenzanel riscuoter questa
mancia. Gl’habitanti di Gierusalem,e del contorno, nó pagano altro ch il
madino j la sudetta porta è pal. tredici, e passata la porta verso il lato sim-
stro,tra l’vno pilastro,e l’altro sono pal. sedicij e questo pilastro hà sei Co-
lonne due per banda,e per quadro palmi quattordici,e tredici di distanza,
c da questo alli due pilastri con le Colonne verso Leuante sono palmi di- \
ciasette,& i pilastri sono pal.quattro larghi,e cinque lunghi l’vno per.qua-
dro,e da questi à gli altri verso Leuante pal. diciannoue. Dalle sei Colon-
ne verso x’ramontana insino al pilastro della Cupola di mezo sonopalmi
vent’otto,e mezo. Questo pilastro è per quadro palmi diciotto largo,e di-
ciotto,e mezo lungo. Qucllo verso Tramontana pal. sedici,e quattro on-
cie largo, e diciasette,e tre oncie lungo. Quello verso Leuante pal. dicia-
sette largo,e diciasette,e tre oncie lungo. L quello verso Austro è vguale
à questo,tra l’vno,e l’altro vi sono palmi quaranta, e quarantadue , e sette
oncie de i due numero 11. quello che stà nel circolo , denota vn luogo,
doue dicono, chc staua la Beata Vergine métre si crucifiggeua Chnsto Si-
gnor nostro,l’altro è l’habitatione di Gofti,& è pal. venti,e otto oncie lar-
go,e ventitre,e mezo lungo. 11 num. 18. è il luogo de gl Armeni,& è pal.
vent’otto , e mezo lungo, e largo venti. I numeri 20.21. e 23. significa-
110 alcuni luoghi,doue anticamentecredo.che fossero Cappellejma adesso
seruono per habitatione,cle duenelnum. 20. e 23. sono de gl'Abissini, e
quella del 21. è de Iacobiti,e sono di diametro cialcuna pal. vent otto,e
dal num. 20. al num. 23. sono pal. cento cinquantasei passando per mezo
de pilastriji quali sono distanti l’vn dal’altro pal. dieci,& essi sono pal.sette
per quadro dalla parte esteriore \ ma di dentro sono sferici, e non a linec
rette come stanno quì. Questi pilastri, e i nicchij con li pareti del di cuito
loading ...