Amico, Bernardino
Trattato delle Piante & Immaginj de Sacri Edifizi di Terra Santa: Disegnate in Ierusalemme secondo le regole della prospetiua & uera misura della lor grandezza — Firenza, 1620 [Cicognara Nr. 3932]

Seite: 51
DOI Seite: 10.11588/diglit.28446#0108
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/amico1620/0108
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DI TERRA SANTA.

V

'Thnta,) eparte deU'akata deUa Chiefa y e Sepolcro deUa
Madonna. Cap. X L.

A seguente pianta è la Chiesà del Sepolcro della Ma«
donna SantilTima tutta sotterranea, non vedendo-
ui altro, che il frontespitio con la sua volta, & è di
bellisfima opera,situata nel cominciar dellavalle
di Iosafat, nominata già valle Regia j & anco Con-
uallis Cedron, nella quale Isaia fece ardere il simo-
lacro degl’Idoli, & è vnita alia falda del monte Oli-
ueto vicino alla porta del Gregge, al presente no-
minata di Santo Stefano -, e perche vi si vede vna findtra verso Tramon-
tana fabbricata, dicono, che anticamente noneracosi coperta di terra »
come hoggìdì, che vi si semina} ma che ciò è succeduto per le ruine della
Città. La lettera A, è il sepolcro della Beata Vergine, il quale è in qua-
dro di fuori, & è palmi dodici per lato, di drento lèi, e tre oncie largo, e
otto , e noue oncie lungo, & è de’ nostri Padri, nè vi può celebrare nes*
luno senza nostra licenza, & vi si và à dir la Messa ordinariamente ogni
Saoato, e per accommodar le lampade vi si mandano ogni mattina vn pa-
Jo di Laici} ma per lo più vi si suol accompagnar vn Sacerdote, che dice
la Melsa. II B, è altar de’ Greci, & è di palmi vndici, e tre largo,e lo sca-
bcllo vndici,e sei. II C, è vn’Altare de’Soriani. D, Moscheade’Tur-
chi, doue esii fanno oratione, e riueriscono il sepolcro della Madonna
con molta riuerenza. E, Cisterna. F, AltaredegrAbissini,&èpalmi
lette lungo, e quattro, e mezo largo. G, Altare de gl’Armeni, è palmi
sette lungo, e tre,e nou’oncie largo. H, è vn luogo qualnon si può com-
prendere, à che potesie seruire, non vedendoui per entro cosa alcuna, sc
bene il suolo è tutto fatto à molaico, & è intero , come se fosie fatto hog-
gt, ìl suo vacante è palmi sedici, e we oncie largo, e quarantatre, e noue
oncie lungo. I, Cappella di Ioachino, & Anna, quell'Altare verso Le-
uante e de’ Giorgiani, & è palmi cinque largo,e otto lungo, e l’altro verso
Ti amontana è di Gofti, & è palmi sei lungo,e quattro, e due oncie largo.
“V e ^a 9aPPe^a di San GiosefFo sposo della Beata Vergine, & è de gl'A-
nistìni, e palmi vndici, e tre oncie largo, e quindici lungo. L, è vna bel-
la, e sontuosa porta murata, la qual dicono, che seruiua per salire, e scen-
dere dal Monasterio, ch’eraiuicongiunto} ma hoggi non sene vedelè-
gno alcuno. M. la porta,e di quì sino al parete della crociera per linea ret-
ta snno palmi centotrentanoue, e mezo lungo, e da angolo à angolo pal-
nii venticinque.

Mm Alzata
loading ...