Amico, Bernardino
Trattato delle Piante & Immaginj de Sacri Edifizi di Terra Santa: Disegnate in Ierusalemme secondo le regole della prospetiua & uera misura della lor grandezza — Firenza, 1620 [Cicognara Nr. 3932]

Seite: 64
DOI Seite: 10.11588/diglit.28446#0132
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/amico1620/0132
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
*4

cìiiàgi, de quali non bisògna far contoj ma prepararsi col pensìero
di loiFrirli patientemente,ancor clie vi st pericoli della vita. Pure
aisicurisì ogni vno,che questoiàntissimo Viaggio, si saol fare bre-
ue, e stcuro, stcondo la buona disposttion del Cielo, come è iuc->
cesto à moki.Et io posto liberamente testiftcarlojche ringratiando
fempre Pimmortal Iddio,llio prouato di periona in poco tempo,
e stnza i trauagli di quelia maniera, che altri vanno eiagerando .
Della sua quantità non st può dir altro,eccetto che, se la vela della
Naue è gonfta di prospero vento,st fano innumerabili miglia. Per
il contrario. par, che stadi maggior longhezza , chestimanoi
Nauigantiiperciò constderàdo 1 instabilita de venti, e che il viap--
gio è quast tutto marittimo, st deue star di buona voglia,sòpporta
do il tutto,e pensàr, che sè ben non è arriuato à quella santa ipiag-
gia-,già ha ottenuto il fin del suo sànto destderio, & acci ò che nest
sùno st ririri da questa gloriosà impresa,sòggiongOjche ne anco ho
visto io vsarsi da quei Turchi,& Arabi le tirannie, che st raccon-
tano -, e sè alcuni st fustèro posti à molestarci , non pastauano poi
tanto 1 termini, che con la nostra humiltà, e dolci parole non iì
fustèro quietati,e lasciacici andare.Ma di gratia,ò fedeli Christiani
sè l’Agricoltore mirastè alla durezza dellaincolta terra , &alla
forza delle pungenti spine, alle fitiche , e sudori , & à tante altre
spesè,coglieria torsè il multiplicato grano ? Et il So!dato,perche at-
tende così diligentemente alle fatiche, & opere mihtari, esponen-
dost à tanti mamfcsti pericoli di morte,soft’rendo con tanta patien-
za, e caldo, e freddo, & ogn alcro male,sè non per la speranza dei
trionfo,e delPhonorata corona, che riporta de nemici ? Non ha-
uerìamo noi il Cinnamomo , i Garofoli , le Perle , gioie,e tanti
pretiost Tciorifte il Mercadante andasse discorrendo li naufragi, e
pencoli del Marej e spauentato st nmancste in casà j ma inuaghito
de’ gran guadagni,entra volontariamente ad ogni berlaglio. Cosi
voi tutti Christiani, à quali vengono spestò inspirationi di andare
à quei sànti luoghi , non douete sgomentami da nestlmo inco-
modojconstderando,che non saran piccio!i,ò grandi i disagi, che

non
loading ...