Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 23
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.2
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.4
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0045
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0045
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ARCHIVIO STORICO DELL'ARTE

23

" traditore, mio nimico. „ Lo troviamo sui registri della Corporazione dal 1530 al 1539 e
dal 1529 in poi su quelli della Zecca pontificia. Conservò quest'uffizio fino al 1541, nel quale
anno viene chiamato " Olim magister zecchae. „ Le Lettere pittoriche del Bottari ci apprendono
la causa della sua revocazione. Nel 1540, fu accusato di aver fatto delle monete false e gettato
in prigione; nelFintervallo Leone Leoni, che era stato vittima delle medesime accuse avendo
castigato e sfigurato il loro nemico comune, il tedesco Pellegrino di Lenti, Giacomo, che era
stato messo in libertà, fu di nuovo imprigionato, messo alla tortura e condannato ad avere
la mano troncata. Ottenne la grazia al momento in cui il carnefice stava per eseguire la sen-
tenza. ■— Giacomo non pare essere stato di molto valore come artista.

(Continua).

E. Muntz.
loading ...