Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 45
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.2
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.8
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.9
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0067
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0067
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ARCHIVIO STORICO DELL'ARTE

45

sui disegni presentali pel compimento della fac-
ciata stessa. » Essa è stata conseguente alla con-
vinzione già manifestala, che noi per ora ci aster-
remo dal prendere in esame.

Tua ventina di concorrenti ha tentato l'ardua
prova. La Commissione giudicatrice è questa : Az-
zolini, nominato dal municipio ; Dall'Olio, dall'am-
ministrazione della chiesa; Lamhcrtini, dalla Com-
missione dei monumenti ; Faecioli, dal collegio
degl'ingegneri; Salvini, dall'Istituto di belle arti;
Bedini, dalla Scuola professionale di arti decora-
tive. Seguono, nominali dal Governo, i signori Ri-

valla, Monteverde, Barabino, Ceppi, Poggi, Az-
zurri, Mariani, Berchel, Pisenti.

Parecchi argomenti che sono stati toccati di
volo in questa cronaca, formeranno materia di
studi speciali che saranno pubblicati nei fasci-
coli successivi dell' Archivio.

Terminiamo coli'avvertire gli artisti che a
Vienna si terrà un'Esposizione artistica interna-
zionale per festeggiare il 40° anniversario di re-
gno dell'imperatore Francesco Giuseppe. S'aprirà
il 1' di marzo e durerà tino a tutto il maggio.

G. Cantalamessa.

NUOVI DOCUMENTI SU LEONARDO DA VINCI

Alessandro Luzio, noto cultore di studi storici, ha
pubblicato per le nozze Renier-Campostrini un impor-
tante saggio sull'educazione d'Isabella d'Este Gonza-
ga;1 e poiché l'edizione consta solo di settanta esem-
plari, stimiamo utile di riprodurre, con qualche com-
mento, le notizie fornite dall' autore sulle relazioni
della Marchesana di Mantova con Leonardo da Vinci.

Eli Irai lo di Cecilia Hergamina-Viscon-
ti. — Riferisce il Luzio che Isabella d'Este ebbe
vaghezza di confrontare il ritratto di Cecilia Berga-
mina-Visconti con certi belli retracti de man de Zoatiìie
Bellino, e che a questo fine alli 26 aprile 1498 così
scrisse a quella gentildonna milanese:

<' Essendone hogi accaduto vedere certi belli re-
» tracti de man de Zoanne Bellino siamo venute in
» ragionamento de le opere de Leonardo cum desiderio
» de vederle al parangone di queste bavemo, et ricor-
» dandone che '1 v' ha retracta voi dal naturale vi pre-
» gamo che per il presente cavallaro quale mandiamo
y a posta per questo ne vogliati mandare esso vostro
» retracto, perchè ultra elio '1 ne satisfarà al paran-
» gone vederemo anche voluntieri il vostro volto et su-
» bito facta la comparatone vi lo rimetteremo ecc.».

Il ritratto è probabilmente quello stesso di Cecilia
Gallerani, sposa al conte Bergamini, e di cui si ha
ricordo in un sonetto del Bellincioni.

Ritratto d'Isabella d'Este. - Richiesta
di un quadro per lo studiolo d 'Isabella —

Era noto che Leonardo da Vinci, soggiornando nel 1500
a Mantova, abbozzò iì ritratto d'Isabella a carbone, e
si partì dalla Corte dei Gonzaga promettendo di farlo
a colore. Una lettera di Lorenzo da Pavia scritta da
Venezia, il 13 marzo 1500, prodotta dal Baschet, dal

1 1 precettori d'Isabella d'Este. Ancona, Morelli, 1887.

Crower e dal Richter, 1 ci informava già che il ri-
tratto era riescito fedele ed eseguito così che non era
possibile far meglio. Il Luzio riporta una lettera di
Isabella, la quale chiedeva uno altro schizo del retracto
nostro, e tentava di moverlo ad eseguire un quadro
per lo studio, già adorno delle tele del Mantegna.

« Fratri Petro de Nuvolaria. »

« Rmo Se Leonardo Fiorentino pictore se ritrova lì
>> in Fiorenza pregamo la R. P. V. voglia informa rse
» che vita è la sua, cioè se l'à dato principio ad al-
» cuna opera, corno n'è stato referto haver facto et
» che opera è quella, et se la crede che il debba
» fermarse qualche tempo lì, tastandolo poi V. R.
» corno de lei se '1 pigliarla impresa de farne uno
» quadro nel nostro studio, che quando se ne conten-
» tasse remeteressimo la inventione et il tempo in
» arbitrio suo, ma quando la lo ritrovasse renitente
» vedi al mancho de indurlo a farne uno quadretto
» de la Madonna, devoto e dolce corno è il suo natu-
» rale.

» A presso lo pregarà ad volerne mandare uno al-
» ti o schizo del retracto nostro, perocché lo 111. S.
» nostro consorte ha donato via quello che '1 ce lassò
* qua, che '1 tutto haveremo non mancho grato da la
» R. V. che da esso Leonardo, offerendone, ecc.

» Mantue XXVII martij 1501. »

Iju data della " Sant'Anna „ del Wjou-
vre. - Occupazioni di Leonardo e de' suoi
scolari nel MSOÈ a Firenze. — Era nota la
risposta data alli 4 aprile 1501 dal Generale de' Car-

1 Baschet, Aldo Manuzio. Venezia, 1867. - Crowe, nel perio-
dico The Academy, 1870, febb. 12, p. 123. - RiCHTER, Illustraled
biographies of the ijreat arlisls. Leonardo da Vinci, London. 1880.
loading ...