Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 13
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.15
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.17
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.26
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.27
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0095
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0095
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DOMENICO GNOLI

13

del cinquecento, è da credere che fosse in esse scolpito lo stemma del fondatore del palazzo ;
come del resto si vede che sulle antiche case è scolpito lo stemma del fondatore, e non dei
possessori successivi. Dovrebbe dunque trovarsi sulle targhe o lo stemma dei Caprini, che ini-
ziarono la fabbrica, o quello di Raffaello che l'acquistò e proseguì. Ma lo stemma dei Caprini
è una capra che appoggiata colle zampe anteriori al tronco d'un querciolo, ne rode le foglie1 :
non si saprebbe perciò a chi altri se non a Raffaello attribuir quello stemma. Nuove indagini
potranno facilmente gettar luce su tale argomento e forse rivelarci fatti nuovi, non essendo
credibile ch'egli non ponesse la sua arme se non sulle finestre del suo palazzo; intanto dob-
biamo esser grati al prof. Rossi del prezioso contributo portato alle memorie raffaellesche, e
sollecitarlo a rendere di pubblica ragione gli altri documenti da lui raccolti.

D. Gnoli.

1 Questo, che anche attualmente è lo stemma dei conti Caprini di Viterbo, si trova nella Breve storia della
città di Viterbo pubblicata dal Coritini nel 1774.
loading ...