Archivio storico dell'arte — 1.1888

Seite: 36
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.15
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.20
DOI Heft: 10.11588/diglit.17347.26
DOI Artikel: 10.11588/diglit.17347.27
DOI Seite: 10.11588/diglit.17347#0118
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/archivio_storico_arte1888/0118
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L'OREFICERIA SOTTO CLEMENTE VII

Cri voi li. V. Giovanni Pietro Crivelli.

Domenico Battanto (?), 1532, lavorante (C).

Domenico della Pedacchia, orologiaio del Campi-
doglio, 1531-1549 - 7 ducati al mese.

Domenico de' Bussati da Vicovaro, 1534-1548 (C).

Domenico di Lorenzo da Parma, 1530-1543 (C),
citato nel testamento di Caradosso.

Enrico. V. Henricus.

Fardelli. V. Leonardus Fantelli.

Felice Romano, 1530, compagno di Giovan Maria
da Camerino, 1533, in bottega di Giuliano del Conte.

Felice Ballante, 1530-1541 (C).

Felice di Benvenuto, 1532, lavorante (C), 1543.

Felice da Gallese, 1530 (C), 1549.

Ferrando napoletano, 1532, lavorante (C) 1538.

Ferreri. V. Mario.

Firenzuola (Giovanni) di Giorgio, 1530-1549. Un
Fiorenzuola di Lombardia era stato, nel 1519, il primo
maestro di Benvenuto Cellini.

Francesco, gioielliere veneziano, 1515. Sant'Ago-
stino, 1542. Un Francesco, intagliatore di corniole,
romano, abitava a Santo Stefano in Piscinola (Pa-
rione). (Armellini, Un censimento sotto il Pontificato
di Leone X, p. 75). Un Francesco, gioielliere, dimo-
rava nello stesso rione. (Ivi, p. 75).

Francesco (alla Cancelleria), 1532, 1533 (C).

Francesco d'Antonio da Siena, 1508 (Bertolotti,
Artisti lombardi, voi. II, p. 312), 152G, 1539 (C).

Francesco da Ferrara, 1532, lavorante (C).

Francesco Guttieres, 1530 (C). Francesco di Gu-
tiere, spagnuolo, 1531 (Bertolotti, Artisti modenesi).

Francesco de Leis, o d'Alesso, o de Alois, o d'A-
lexii, 1526, 1530, 1549 (C).

Francesco Pergoletto, o Prevoletto, o Pregorela,
1509, 1543 (C).

Francesco di Raffaello, 1532, lavorante (C).

Francesco da l'Arco o del Arcon, o Francesco
Vires, spagnuolo, 1532, 1549 (C).

Francesco della Tacca. V. Giovan Francesco.

Francesco Valentini, 1533, 1549 (C). Eseguì lo
Stocco benedetto nel 1535, 1537, 1539, 1540.

Francesco da Perugia, orologiaro del Palazzo,
1534 - 4 ducati al mese.

Francesco di Vicadi (?), 1533 (C).

Francescbone a canto a Pompeo, 1534 (C).

Gabriele da Verona, 1532, lavorante (C).

Gaspare. Sotto Leone X apparisce comproprie-
tario d'una casa a Santa Maria sopra Minerva (Pigna)
un Gaspare orefice a S. Tommaso (Parione).

Gaspare de Prato, orefice a Campo Marzo (San
Trifone). (Armellini, p. 44, 05, 101).

Giacomo o Jacopo, in bottega di Glmasparre,
1534 (C).

Giacomo de Crispis da Milano, gioielliere al
Campo Marzo, 1528 (Bertolotti, Artisti lombardi,
voi. II, p. 314). Nel 1544 ó questione di un Giacomo,
conciatore di gioie.

Giacomo Mauri da Napoli, 1526.
Giacomo di Paris (?) da Parma della Cecha, 1532,
1548 (C).

Giorgio da Ferrara, 1533, 1535 (C).
Giovanni Sanese in Borgo, 1532, 153G (C).
Giovanni. V. Fiorenzuola.

Giovanni de Porciis, Sardo, o di Alexandria, in
Parione (Bertolotti, Artisti subalpini).

Giovanni Antonio de Alisandris, 1530, 1548 (C),
più volte camerlengo.

Giovanni Antonio da Cremona, 1529, (Sant'Ago-
stino) 1542. Orefice al Pellegrino.

Giovanni Antonio Stencheris, 1530 (C). Lo stesso
clie G. A. Romano, 1531 (C). ?

Giov. Battista de Episcopo da Lodi, incisore e
scultore di gemme, 1527 (Bertolotti, Artisti lom-
bardi, voi. II, p. 314).

Giov. Battista Rotino Romano, a Santo Martino,
o alli Scapacci, 1530, 1548 (C).

Giovanni Maria da Camerino, 1530, 1548 (C). Più
volte console o camerlengo.

Giovanni Maria da Parma, 1526, 1543 (C).

Giovanni Pietro de Carpannis, 1526, 1527.

Giovanni Pietro Crivelli, 1508 (Bertolotti, Ar-
tisti lombardi, voi. II, p. 312), 1509, 1549 (C), console
e camerlengo. Un « Jo. Petrus Cribellus mediolanensis,
ci. ro. eq. paulian » morì nel 1552 e fa sotterrato
nella chiesa di santa Lucia del Gonfalone, dove aveva
fondato la cappella di santa Maria Maddalena (Rug-
geri, VArchiconfraternità del Gonfalone, p. 158).

Giovanni Pietro da Vicovaro, 1532, 1514 (C).

Giovanni Sardo, 1530, 1542 (C).

Giovanni Spagnuolo, lavorante di M° Rinieri Spa-
gnuolo, 1533 (C).

Giuliano, 1532, lavorante (C).

Grosso. V. Lorenzo Grosso.

Gundisalvus de Fuonte, hispanus, 1530, 1548 (C).

Guttieres. V. Francesco Guttieres.

Henricus de Merlinis da Bologna, 4526.

Inferrieri. V. Ambrogio Inferrieri e Mario Ferreri.

Jeronimo di Francesco, 4532, lavorante (C).

Jeronimo da Narni, 4530 (C), 4532, in Campo de' Fiori.

Justino (Fra), gioielliere (?), 1525.

Leonardus Fantelli, 1520 (C), cameriere e console.

Lodovico in Piazza Giudea, 1520,1549 (C), console.

Lodovico di Lazzaro, 1534 (C).

Lorenzo di Janotto, 1532, lavorante (C).

Lorenzo Grosso da Genova, 1507, 1541 (Perto-
lotti, Artisti subalpini. Muntz, l'Atelier monètaire
de Rome, p. 18 e seg\)

Luca da Galese, 1532 (C).

Marcliiomie bolognese, 1534 (C). (Marcinone ro-
mano, 1537).

Marco Antonio de Totiis. Erede di Caradosso (Ber-
tolotti, Artisti lombardi, voi. II, p. 313).
Marino, 1532, lavorante (C).
Mario Fereri, o Inferrieri, 1530, 1540 (C).
loading ...